PASTA ALL’AMATRICIANA

Pasta all’amatriciana

INTRAMONTABILE PRIMO DELLA CUCINA ROMANA

L’amatriciana è un condimento per la pasta tipico della tradizione gastronomica di Amatrice, cittadina in provincia di Rieti, nella regione Lazio.

Dal 6 marzo 2020 è ufficialmente riconosciuta come Specialità tradizionale garantita dell’Unione europea.

Per quanto originaria di Amatrice, la ricetta si è diffusa a Roma e nel Lazio, diventando così uno dei piatti tradizionali della capitale e della regione.

Mentre ognuno concorda sull’uso del guanciale, il pomodoro non è riportato nel manuale di Gosetti. La cipolla non è usata ad Amatrice, ma è riportata nei manuali classici della cucina romana, e anche nella cucina ciociara dove la cipolla e l’aglio sono largamente usati.

Sebbene nelle ricette più vecchie non venga indicato alcun grasso di cottura, o meglio sia utilizzato il grasso del guanciale, di solito come grasso di cottura viene usato prevalentemente l’olio extravergine d’oliva.

Oltre alla cipolla, nei territori romani è fatto uso anche dell’aglio soffritto prima di aggiungere il guanciale, mentre come formaggio si usa più spesso il pecorino romano al posto di quello amatriciano.

Abbiamo anche l’uso di pepe nero al posto del peperoncino. Come formato di pasta, i romani fanno uso di bucatini. Talvolta vengono usati anche rigatoni e tonnarelli.

La ricetta di oggi quindi possiamo ben capire di cosa si tratta, i bucatini all’amatriciana. Un grande classico intramontabile della cucina italiana, apprezzato e richiesto davvero ovunque.

Noi la adoriamo letteralmente e a volte non ci dispiace un soffritto di cipolla nella sua preparazione; ma oggi ci atteniamo alla ricetta classica così come mamma l’ha creata, con guanciale e pecorino romano e nient’altro.

Vediamo quindi cosa ci occorre per la pasta all’amatriciana e come prepararli!

 

Pasta all'amatriciana
La nostra pasta all’amatriciana

 

INGREDIENTI:

  • 400 gr di spaghetti o bucatini
  • 350 gr di guanciale
  • 700 gr di polpa rustica
  • 100 gr pecorino
  • abbondante pepe

 

CLICCA QUI PER IL PROCEDIMENTO